Odiare Costa - Tlon

È giusto.
Arrivi stanco morto a casa dopo essere stato umiliato dal capo ufficio, dai colleghi, dagli automobilisti, dai linotipisti, dai gatti neri, e dopo tutta quella frustrazione ti meriti le tue belle ore d'odio sui social. Per esempio augurando una violenza a una donna colpevole di salvare vite di gente troppo scura.

Va già un po' meglio, vero?
Per esempio minacciando di morte quel giornalista che ti sta antipatico, quello pelato che non parla di Bibbiano, quello che ne parla troppo, politici, attori o sconosciuti, chiunque sia oggetto della valanga di odio del giorno. Ecco, ora stai bene.
Magari ti capita di leggere il post di una persona che si ostina a voler spiegare che il governo in carica è la peggior forma di pensiero unico mai apparsa nella Repubblica Italiana, e allora ti viene in mente di scriverle che deve dormire con un occhio aperto, che non si sa mai. Oh, questa sì che è vita!
Tanto questo non ha ripercussioni su di te, e figuriamoci se ti domandi cosa hai provocato alla persona che hai aggredito.
Dopo questo sfogatoio puoi finalmente – tu sì – dormire sonni tranquilli.
Bene. Però c'è un problema, perché da oggi ti tocca pagare per toglierti questi teneri sfizi, che hanno – guarda un po' – la brutta abitudine di ferire e spesso devastare chi subisce quell'odio.

Se avete il dubbio di essere vittime d’odio in rete, se volete avere informazioni sui vostri diritti o segnalarci dell’odio in rete, potete inviare il link (non lo screenshot, ma il link) del post al seguente indirizzo:

Vi orienteremo su quali strumenti di tutela ognuno di noi già possiede.
Vi spiegheremo che il danno d'immagine e di reputazione che avete subito vi può essere economicamente risarcito.

È il momento di cambiare il modo di vivere i Social.
Facciamolo tutti insieme.

Da oggi #odiareticosta".