Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Corpi estranei e Ladri di denti – Presentazione online

19 Novembre, 2020 | 19:00 - 21:00

Corpi estranei e Ladri di denti - Presentazione online

Presentazione di Corpi estraneiLadri di denti

editi da People Pub
con Oiza Queens Day Obasuyi e Djarah Kan
modera Espérance Hakuzwimana Ripanti

giovedì 19 novembre
ore 19:00

📺❗ In diretta Facebook su Libreria Teatro Tlon

In collaborazione con Monk Club, Roma

Sinossi di Corpi estranei, di Oiza Queens Day Obasuyi:

Banalizzare il passato coloniale dell’Italia, giustificare il razzismo parlandone come forma di ‘ignoranza’, pensare sia normale affrontare viaggi che mettono a rischio la vita per arrivare in Europa, considerare il caporalato un evento a margine della società: Oiza Queens Day Obasuyi, ripercorrendo la storia politica e culturale d’Italia, scrive questo saggio per smantellare il sistema di esclusione e discriminazione in cui viviamo, per denunciare un Paese culturalmente arretrato nel rapporto con le minoranze etniche e le migrazioni. Corpi estranei, infatti, è l’esperienza di una donna afro-discendente capace di smascherare i meccanismi e le carenze della nostra classe dirigente. Come farlo? Cambiando il punto di vista, scegliendo quello di donne e uomini, ragazze e ragazzi di diverse origini che riempiono le piazze per protestare contro le ingiustizie, ascoltando le voci di chi per troppo tempo è stato chiamato in causa senza poter parlare, come un corpo estraneo.

«In questo libro i protagonisti sono le persone nere – e di origine straniera in generale – che diventano dei corpi estranei e muti in un contesto che li nomina ma non li interpella, che se ne serve per propaganda ma non li ascolta. Le persone nere sono corpi spersonalizzati, senza identità, pensieri, opinioni. Le persone nere sono a tratti degli invasori, oppure dei cuccioli da salvare. Sono da sfruttare, oppure da nominare per appuntarsi la propria medaglietta di ‘antirazzista perfetto’. Le persone nere sono, per esempio, quello a cui ho dato l’elemosina e che deve essere il protagonista del mio post su Facebook.

In questo libro si cerca di decostruire il razzismo in Italia. Razzismo che, chiaramente, non comincia con il governo giallo-verde e non si consuma con l’ennesima aggressione – che ne è solo la punta dell’iceberg. Il razzismo è qualcosa di più complesso da decifrare. Chi non fa parte di una minoranza etnica difficilmente lo coglie, e spesso anzi lo perpetua senza rendersene conto».

Sinossi di Ladri di denti, di Djarah Kan:

Non è semplice trovare le parole adatte per descrivere i rapporti tra italiani e stranieri. Così come non è semplice individuare il senso stesso della parola “straniero”, quando quel senso vive dentro confini che la legge e la cultura di adozione non reputano mai propri fino in fondo. “Razzismo” è una parola fraintesa, abusata, rifiutata. Suscita immaginari che nella società italiana sono difficili da guardare. La negazione è dietro l’angolo, la soluzione sfugge.

Oggi è possibile parlare di questo tema, ma in Italia la tendenza è quella di prendere parola per conto di chi quell’esperienza politica ed esistenziale la vive, ogni giorno, senza troppa poesia.

Ladri di denti è una raccolta che ripercorre storie di furti di nomi e di vite. E un tentativo di spiegare l’esperienza nera e italiana dell’esproprio esistenziale, in tutte le sue forme.


Oiza Queens Day Obasuyi – Nata nel 1995 ad Ancona. Laureata in Lingue, Culture e letterature straniere all’Università degli studi di Macerata è ora laureanda, nella stessa, nel corso di laurea magistrale in Global Politics and International Relations. È una studiosa di diritti umani, migrazioni e relazioni internazionali. Collabora con The Vision e Internazionale. Ha scritto Corpi estranei per People.

Djarah Kan – Nasce a S.Maria Capua Vetere nel 1993. Cresce a Castel Volturno e nel 2018 si trasferisce a Napoli dove comincia a pubblicare racconti per quotidiane e riviste di approfondimento culturale come Gli Asini e Jacobin Italia. Femminista e attivista culturale, nel 2019 pubblica “Il mio nome” nella raccolta di racconti Future. Il domani narrato dalle voci di oggi edito da Effequ. Nel 2020 pubblica la sua prima raccolta di racconti brevi Ladri di denti edita da People Pub.

Espérance Hakuzwimana Ripanti – Nata in Ruanda nel 1991, è cresciuta in provincia di Brescia e ha studiato presso l’università di Trento. Nel 2015 si trasferisce a Torino, dove frequenta la Scuola Holden e inizia a collaborare con diverse realtà culturali e associazionistiche del capoluogo. Attivista culturale, scrive e legge da sempre. Fa parte del comitato Razzismo brutta storia e da due anni lavora per radio RBE, dove ha un programma tutto suo in cui parla di libri e attualità. Nel 2019 ha pubblicato un suo racconto nell’antologia Future. Il domani narrato dalle voci di oggi, curata da Igiaba Scego ed edita da Effequ e E poi basta. Manifesto di una donna nera italiana edito da People.


Per info:
Tel
.: 06 4565 3446
Email: libreriateatro@tlon.it

Dettagli

Data:
19 Novembre, 2020
Ora:
19:00 - 21:00
Categoria Evento:
Sito web:
https://www.facebook.com/libreriatlon

Luogo

Libreria Teatro Tlon
Via Nansen 14
Roma, 00154 Italia
Telefono:
3384532399