09 Gen

Perché ti stai prostituendo sui social

Per abolire la prostituzione bisognerebbe abolire gli uomini.
Maria Teresa d’Asburgo
Le puttane svolgono lo stesso lavoro dei preti ma molto più scrupolosamente.
Robert Anson Heinlein

Chiunque scriva post sui social network si sta prostituendo. Il termine è formato da pro, avanti”, e stituere, “porre”, e significa “esporre”, “mettere avanti”; implica l’avvilire, l’abbassare di livello non solo ciò che si dice ma soprattutto quel che si è. Nell’Antica Roma con questa parola non si indicava chi si prostituiva – chi decideva di offrire prestazioni sessuali dietro pagamento – ma la schiava che veniva prostituita, ossia esposta davanti alla bottega del padrone, messa in vendita di fianco alle altre merci.
La bacheca dei social è il corrispettivo della bottega del padrone, davanti alla quale si pone in vendita perennemente se stessi in quanto mercanzia.
E ogni post – che sia un’invettiva al governo, un selfie in bagno, un video ironico o dotto, questo stesso articolo se condiviso – è un atto di prostituzione più o meno consapevole. I social network sono i lenoni, papponi, che non minacciano né costringono alla prostituzione: semplicemente offrono una piazza virtuale dove esercitare la propria professione, mettendo in contatto richiesta e offerta; gli altri utenti – gli amici, i fan – sono i clienti, che pagano attraverso i like e i commenti, e che a loro volta sono in vendita.
Byung-Chul Han sostiene l’estinzione della coppia hegeliana servo-padrone nel momento in cui nella società di massa ognuno, da bravo imprenditore di sé, è contemporaneamente servo e padrone. Non c’è più un titolare esigente là fuori da combattere: ci si autocostringe all’iperproduzione.
Non siamo servi, soggetti allo sfruttamento di un padrone. Piuttosto, siamo insieme servi e padroni. I servi, infatti, devono accettare ogni lavoro: non sono liberi. Il neoliberalismo produce l’obbligo ad accettare ogni lavoro, perché non conosce il concetto della dignità umana. L’ha interamente sostituito con il prezzo.
Byung-Chul Han
Ancora oltre è visibile il collasso della coppia prostituta-cliente: tutti sono in vendita e tutti sono in acquisto.
Il processo che si sta delineando sempre più chiaramente consiste nella virtualizzazione del reale: non è più il profilo personale ad assomigliare al soggetto, ma è il soggetto a somigliare all’avatar social. Nella vita quotidiana si è costretti a somigliare a quel che si è diventati sui social, ci si deve adeguare alla narrazione del virtuale.
Ma c’è almeno un lato positivo in questo processo: è sempre più facile accorgersi che non si è. Con l’andare avanti di questa esposizione, prostituendo sempre più se stessi – esponendo in piazza, davanti alla bottega pensieri, progetti, sogni, desideri, segreti – diventa sempre più facile accorgersi che non si è niente: una volta detto tutto di se stessi, non resta più niente. E se tutto ciò che si è si può dire, allora non si è mai stati. Perché l’essenza di una persona è incomunicabile. E se ti accorgi di non essere niente, puoi finalmente provare ad essere qualcosa.